12/09/2014
A Punto Arte i ‘Passaggi di tempo’ di Emanuela Colla
Emanuela Colla è un’artista che si esprime attraverso la scultura e la pittura. Inizia il suo percorso negli anni ’90 a Parma. Le sue opere esprimono con forza i terribili e, nello stesso tempo, delicati sentimenti umani. Colla racconta le condizioni di genere, la trasformazione della sofferenza senza tempo del femminile in una speranza di rinascita.
In questa rassegna, che inaugura oggi, venerdì 12 settembre, espone grandi acquerelli e acrilici che rappresentano le due anime della pittrice al confine tra l’astratto e il figurativo.

Ha scritto di lei Tiziano Marcheselli: «L’autoritratto e gli altri visi grintosi paiono scavati nella roccia, magari in uno di quegli interni labirintici o di quelle strade dai misteriosi riferimenti di paesaggio dell’anima o di un’autonoma fantasia. A volte barriere architettoniche spinate, a volte mosaici, a volte alberi nel cemento immerso nelle acque nere di un falso progresso o, all’opposto rostri d’aquila che anziché dilaniarti ti porgono un rosso frutto. In queste quinte di paesaggi, in queste aperture dai finachi colorati ma dal nero fondale, in questi rossi esagerati e piatti, pare di scorgere l’ineluttabilità della solitudine, del mondo che urla fuori, ma di dentro ha gli occhi fissi o chiusi».

La rassegna mette insieme alcune opere di due precedenti esposizioni: gli acrilici di ‘Passaggi di tempo’ e gli acquerelli di ‘Senza ombre’. La mostra sarà visitabile fino al 24 ottobre, negli spazi espositivi di Punto Arte, nella sede di Confartigianato Imprese Apla Parma, da lunedì a venerdì dalle 8 alle 13 e dalle 14.30 alle 17.30.  
hosting & web application by baitech
web design by artforart